Sospensioni Idriche
Sportello web
cerca

Acquedotto Lucano

Informazioni Utente Segnalazione Guasti

Chi Siamo

COMPANY PROFILE

Acquedotto Lucano è la più grande azienda pubblica della Basilicata e tra le principali utility del Mezzogiorno nella gestione del sistema idrico integrato, per dimensione, complessità e numero di comuni serviti.
Nata nel 2002, il capitale sociale è attualmente detenuto dalla Regione e da 119 Comuni che hanno versato simbolicamente un euro per ciascun residente. L’area gestita comprende 130 comuni, 575.000 abitanti e 287.000 utenti.
Acquedotto Lucano è un sistema di infrastrutture collegate da più di 10 mila chilometri di reti idriche, a cui devono aggiungersi i 3.359 chilometri di condotte di acque miste o nere: in tutto 13.626 chilometri di tubi, oltre a 479 sorgenti, 66 pozzi, 178 impianti di depurazione, 142 impianti di sollevamento idrico, 93 impianti di sollevamento fognario, 829 serbatoi, 2 impianti di potabilizzazione e circa 2000 fontanine pubbliche.
La società, che dal 3 luglio 2015 è guidata dall’amministratore unico Michele Vita, conta 398 dipendenti che costituiscono la struttura tecnica e amministrativa che gestisce il ciclo dell’acqua in tutte le sue fasi: dal prelievo alle sorgenti alla potabilizzazione negli impianti di trattamento, dal vettoriamento attraverso acquedotti e impianti di sollevamento alla distribuzione nelle abitazioni, fino alla depurazione negli impianti di trattamento.

ORGANI SOCIETARI

AMMINISTRATORE UNICO

eletto il 16 maggio 2018

 

Giandomenico Marchesenato a Potenza il primo dicembre 1969, è laureato  in Economia e Commercio ed in Giurisprudenza; iscritto all’Ordine dei dottori commercialisti dal 1994 e per un decennio anche a quello degli avvocati, ha svolto attività di consulenza in materia finanziaria, societaria commerciale, bancaria, amministrativa e tributaria. Oltre ad essere stato direttore amministrativo di Acquedotto Lucano, è stato direttore generale della Società Energetica Lucana, dirigente generale del Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca della Regione Basilicata; è autore di una serie di studi apparsi su riviste specializzate, tra cui quelle di Diritto commerciale, di Diritto dell’impresa e della Giurisprudenza commerciale.

COLLEGIO SINDACALE

Nomine del 16 maggio 2018
Presidente:
Vincenzo Marranzini

Sindaci effettivi:
Carmine Nigro
Arcangelo Colella

Sindaci supplenti:

Filomena Pia Conte

Felice D’Amato


ASSEMBLEA DEI SOCI

Acquedotto Lucano ha realizzato un efficace modello di corporate governance, capace di aumentare il valore dell’azienda e di restituirlo ai cittadini della Basilicata in termini di qualità del servizio idrico integrato. Il capitale azionario appartiene ai 119 Comuni Soci, nella misura di un euro per ciascun abitante, e alla Regione Basilicata, che detiene il 49 per cento del capitale azionario. Se la presenza della Regione Basilicata nella base azionaria consente di capitalizzare in modo adeguato la Società, lo Statuto di Acquedotto Lucano conferisce ai Comuni un ruolo forte, come inteso dall’istituto dell’affidamento in house. Ai Soci, infatti, è garantita la possibilità di espletare il controllo sulle attività poste in essere dalla Società, con l’obbligo di convocazione almeno due volte l’anno. Inoltre, opportune modifiche allo Statuto hanno consentito di ampliare il potere decisionale dei Comuni in sede assembleare, introducendo un limite al diritto di voto dei soci che posseggano più del 24 per cento delle azioni, alla misura massima, appunto, del 24 per cento.

Comuni e Regione costituiscono il presidio pubblico sulla gestione di un servizio particolarmente delicato, contemperandolo con il bisogno di autonomia di impresa e di attività customer oriented. Acquedotto Lucano, infatti, oltre a garantire l’esercizio di un diritto fondamentale della persona e i servizi alle imprese e alle infrastrutture, rappresenta un fattore di primaria importanza per lo sviluppo dell’economia e della società, nonché per la competitività del sistema produttivo della Basilicata.